L’arse argille consolerai. Carlo Levi, dal confino alla Liberazione di Firenze attraverso testimonianze, foto e documenti inediti

Presentazione volume
L’arse argille consolerai. Carlo Levi, dal confino alla Liberazione di Firenze attraverso testimonianze, foto e documenti inediti
di Nicola Coccia
(ETS)
Saluti
Andrea De Pasquale
Direttore della Biblioteca nazionale centrale di Roma
Daniela Fonti
Presidente della Fondazione Carlo Levi di Roma
Interventi
Claudio Di Benedetto
Filippo La Porta

Sarà presente l’autore

Nell’ambito del ciclo Spazi900: letture, incontri, confronti, il 17 dicembre 2018 si terrà presso la Biblioteca nazionale centrale di Roma la presentazione del volume L’arse argille consolerai. Carlo Levi, dal confino alla Liberazione di Firenze attraverso testimonianze, foto e documenti inediti di Nicola Coccia (ETS).

Sei anni di ricerche per scavare nella vita di Carlo Levi e in uno dei libri più importanti del nostro dopoguerra: “Cristo si è fermato a Eboli”.  Un viaggio dal  confino, dove il fascismo lo spedì, fino alla Liberazione di Firenze. Un cammino ricostruito attraverso  documenti, inediti, che ci hanno permesso  di entrare nelle vite di decine di persone che hanno raccontato storie drammatiche e straordinarie. Il libro parla di Carlo Levi, medico, pittore, componente del Comitato Toscano di Liberazione, della donna che lo ha protetto, del bambino di cui è stato padre putativo, della figlia segreta, della scrittura del “Cristo si è fermato a Eboli”, avvenuta, sotto l’occupazione tedesca, in un appartamento di Firenze. Ci sono testimonianze e  foto mai pubblicate prima come quella della persona  che ha suggerito a Levi il titolo del suo capolavoro e quelle dei 5.000 sfollati a Palazzo Pitti.

 

Spazi900: letture, incontri, confronti
Lunedì 17 dicembre 2018, ore 17, Sala 1